martedì 31 gennaio 2012

La stagionalità


Quanti articoli abbiamo letto, quanti servizi al telegiornale abbiamo sentito in cui ci raccomandavano di utilizzare frutta e verdura di stagione?

A cadenza periodica ci viene riproposto questo concetto, vuoi che fa troppo caldo e consumare frutta e verdura di stagione aiuta a reintegrare sali minerali persi, vuoi che è il giorno dopo Santo Stefano e ci dobbiamo depurare, vuoi che è periodo di influenza e anche lì si parla di come frutta e verdura di stagione ci possono aiutare.

Ma perché si rendono necessari questi articoli o servizi al telegiornale? Cosa sono questa frutta e verdura di stagione?? Siamo ancora in grado di riconoscerla al di là di un campanellino di allarme rappresentato dal prezzo?

Ormai siamo talmente viziati dalla grande distribuzione, dall’avere sotto mano praticamente tutto in qualsiasi momento dell’anno che abbiamo completamente perso di vista il cosa è o cosa non è di stagione.

Quando ero piccola mi ricordo che mia madre parlava di primizie, parola ormai sconosciuta ai più, per indicare prodotti che anticipavano di poco il pieno della loro stagione e per spiegare a me, bambina, che anche se vedevo quella frutta che mi piaceva tanto, era presto per prenderla, non era ancora il momento, si doveva avere la pazienza di aspettare ancora un pochino..

Il periodo della primizia era quello in cui la frutta di una determinata stagione era praticamente sul finire, quella della nuova cominciava a farsi vedere sugli scaffali dei supermercati o sulle bancarelle dei mercati e nel mentre c’erano quelle qualità che definirei ever green che si trovano in quasi tutti i periodi dell’anno. Erano quei periodi in cui aspettavo impaziente che arrivasse  la frutta e verdura “nuova” per assaporare sapori diversi, consistenze diverse …

Ora le “primizie” anticipano di mesi il reale periodo di produzione dell’alimento, potremmo provocatoriamente dire che tale termine è diventato vetusto, abbiamo tutto sempre, in qualsiasi periodo dell’anno

Un esempio semplicissimo, ieri, lunedì 30 gennaio, come ogni lunedì, ho preso un’oretta di pausa dal lavoro e sono andata al mercato a prendere frutta e verdura e indovinate un po’ cosa c’era in alcune bancarelle?? pesche noci, albicocche e ciliegie, i vari tipi di pomodori e pomodorini mi sembra superfluo nominarli …

Non voglio fare la moralista, per carità, anche a me capita di prendere qualche cosina fuori stagione, magari non le ciliegie o le pesche a gennaio, ma può capitare di fare uno strappo alla regola.

Voglio solo invitarvi a pensare

Come facciamo ad avere pesche, ciliegie a gennaio? Come sono stati prodotti? Da dove vengono?

Ma soprattutto voglio farvi una domanda …

Voi sapete bene quali sono frutta e verdure tipici dei diversi mesi dell’anno?
E quando siete al banco del pesce o in pescheria sapete cosa prendere e quando?

Perché sì, il concetto di stagionalità non vale per la sola frutta e verdura …

Se vi siete incuriositi, vi invito a leggere la prossima pillola di benessere, a parte quello che sapevo, ho fatto (e continuerò a fare ) una piccola ricerca, dalla quale ho estrapolato una tabella riassuntiva in cui mese per mese raccolgo i principali prodotti di stagione,  che si tratti di frutta, verdura o pesce..
Per poter fare la spesa con un po’ più di attenzione per quello che compriamo e magari per farvi riscoprire quei sapori, che si perdono completamente se prendiamo le cose nei momenti sbagliati…

0 commenti:

Posta un commento