giovedì 5 gennaio 2012

Tartare di salmone con melograno su letto di riso venere


Questo è indubbiamente un piatto importante da servire in occasioni particolari come Natale, una cena elegante, per un evento speciale, o anche una cena particolarmente romantica … in ogni caso, se abbiamo intenzione di fare colpo questo è un piatto da calare come l’asso quando si gioca a carte.


 Ingredienti
* Un filetto di salmone freschissimo
*Poco meno di un pugno di riso venere a testa
* Un melograno da sgranare
* Pinoli
* Origano
* Un’arancia
* Un limone
* Origano
* Olio extravergine di oliva
* Un coppapasta

La preparazione

Iniziamo a far bollire l’acqua per il riso venere e procediamo con la sua cottura. Per poter preparare al meglio il piatto ed evitare che una volta sfilato il coppa pasta si disfi tutta la nostra composizione, è bene che il riso sia ben freddo.
Dal filetto di salmone eliminiamo ogni traccia di pelle e di spine, aiutandoci con una pinzetta da cucina, procediamo quindi a tagliarlo a cubetti abbastanza piccoli. Mettiamo i nostri dadini di salmone fresco in una capiente insalatiera. Aggiungiamo i pinoli tagliati grossolanamente, l’origano, un poco di buccia di arancia e limone grattugiata. A questo punto condiamo con il succo di un’arancia e un pochino di olio extravergine di oliva. (Per chi lo preferisse, si può utilizzare il succo di limone)
Lasciamo riposare la tartare in modo che il salmone si insaporisca dei profumi e del succo di arancia.

Prima di procedere alla composizione del piatto sgraniamo un melograno, parte dei chicchi li utilizzeremo per la decorazione del piatto, mentre l’altra parte andiamo a inserirla all’interno della tartare precedentemente preparata.

Per formare il piatto ci aiutiamo con un coppa pasta, iniziamo col fare un primo stato di riso venere che andremo a compattare bene aiutandoci con un cucchiaio o una forchetta, quindi procediamo con uno strato di tartare di salmone e a chiudere inseriamo dei grani di melograno che spargeremo anche intorno al piatto.

Sfiliamo il coppa pasta e il piatto sarà pronto da essere servito.

A piacere potete decidere se aggiungere un filo di olio a decorazione e un trito di prezzemolo sempre a decorazione del piatto

1 commenti:

  1. enricoeadriana6 gennaio 2012 17:53

    Io e Adriana abbiamo assaggiato qualcosa del genere in un'occasione veramente importante! Dobbiamo confermare che ha fatto colpo sul palato, alla vista e sullo... spirito. ;-)
    Complimenti FATA!

    RispondiElimina