martedì 29 gennaio 2013

Scarola girata con capperi ed olive di Gaeta



Oggi voglio proporvi un piatto con il quale spero di far rivalutare le verdure belle calde anche al più scettico dei miei lettori.

In questa stagione nel nostro carrello della spesa non dovrebbe mai mancare la scarola, questa si presta a molte preparazioni, sia calde che fredde, in base alla varietà che scegliamo.

La versatilità della scarola e il suo gusto che può essere più o meno amarognolo e non scontato, mi ha portato ad amare questa verdura, al punto da non farla mai mancare nel mio frigorifero durante i lunghi mesi invernali.

Le ricette a base di scarola possono essere moltissime, oggi però voglio proporvela in abbinamento a capperi ed olive, con una cottura semplice e veloce in modo da renderla un contorno ideale e veloce, da preparare sia per quando torniamo dal lavoro, sia per quando torniamo da un allenamento in palestra.

Vi ho incuriositi? Allora forza, carta e penna per scrivere gli ingredienti da prendere quando facciamo la spesa e vi aspetto in cucina...


Ingredienti

Per due persone

* Due cespi di scarola ( tra tutte le varietà, per questa ricetta, vi consiglio di non prendere quella riccia)
* Una manciata di olive di Gaeta
* Una manciata di capperi sotto sale
* Olio extravergine di oliva
* Uno spicchio di aglio o dello scalogno in base alle preferenze personali

La preparazione

Come prima cosa tagliamo la scarola, laviamola sotto abbondante acqua corrente e lasciamole perdere l'acqua in eccesso in un colapasta.

Mettiamo i capperi a dissalarsi e denoccioliamo le olive.


In una padella, preferibilmente antiaderente e dai bordi un po' alti, facciamo rosolare uno spicchio di aglio con olio extravergine di oliva, quindi andiamo ad aggiungere la scarola, questa a contatto con l'olio caldo tenderà a schizzare, quindi attenzione a non scottarci.

Durante la cottura la scarola tenderà a perdere la sua acqua, grazie a questo possiamo permetterci di mettere veramente poco olio all'interno della nostra padella, ed avremo comunque un piatto ben condito, allo stesso tempo diminuirà notevolmente il suo volume... quindi non preoccupiamoci se all'inizio la nostra padella ci sembrerà troppo piena, è tutto normale.

Dopo circa 4-5 minuti di cottura inseriamo una manciata di olive di Gaeta e di capperi in modo da amalgamare tutti i sapori, altri 3 minuti di cottura e saremo pronti per impiattare.




2 commenti:

  1. Sei originalissima.
    Bella agli occhi ... Ottima per il palato

    RispondiElimina